04-10-2016

ARDIGO’ CAMPIONE WSK FINAL CUP

Nella WSK Final Cup di Adria, Ardigò vince in KZ2, Milesi (2°) e Vidales (3°) salgono sul podio in OKJ. L’ultima gara internazionale che il nostro Racing Team ha corso in Europa, la WSK Final Cup, è stata un successo. Sull’impegnativo Adria Karting Raceway i nostri piloti hanno corso al vertice di tutte e tre le categorie, salendo sul podio e lottando sempre per la vittoria. Il successo assoluto lo ha conquistato in KZ2 il nostro Marco Ardigò. In OKJ Milesi e Vidales sono saliti con pieno merito sul podio.

KZ2. Nella categoria con il cambio i nostri quattro piloti sono stati tutti protagonisti e oltre al bel successo di Ardigò, mai messo in discussione, abbiamo visto salire sul podio il giovane Alessio Piccini, autore di gare sempre positive.
In qualifica è stato protagonista Marcus Armstrong, che dopo una positiva seconda posizione ha terminato le heats al quarto posto, preceduto da Iacovacci e dai due compagni Piccini e Ardigò. Proprio Ardigò ha lasciato poco spazio agli avversari nelle gare di qualifica, vincendone tre su tre e risultando imprendibile per gli inseguitori.
In pre finale le performance dei nostri sono state sempre di vertice e Ardigò ha tenuto la leadership della corsa dal primo all’ultimo giro, precedendo Hajek (Kosmic Kart-Vortex) e un brioso Piccini.
La finalissima è stata un altro assolo del Racer 401 motorizzato Vortex di Marco Ardigò, leader, imprendibile, dall’inizio alla fine.
A Piccini è sfuggito il podio soltanto sul finale, dopo una gara condotta sempre nelle prime tre posizioni.
Armstrong si è ritirato all’ultimo giro quando stava lottando a contatto stretto con alcuni rivali per il podio.
L’ennesima rimonta del week end di Luca Corberi si è interrotta a metà gara, in seguito ad un contatto. Visto l’andamento della finale, senza i due ritiri di Armstrong e Corberi, le primissime posizioni sarebbero state ancora più contraddistinte dai Tony Kart-Vortex.

OK. Nelle heats della OK Simmenauer e Novalak sono stati veloci ed efficaci, con Novalak che si è imposto in una gara di qualifica ed ha concluso al secondo posto, dietro al Kosmic Kart-Vortex del Campione del Mondo Basz e davanti al Tony Kart-Vortex di Lorandi (Team Baby Race).
In pre finale Novalak ha guidato la gara sino al quinto giro, dopodiché è stato costretto al ritiro, perdendo ogni chance di vittoria.
Simmenauer ha terminato al terzo posto ma è stato penalizzato dai commissari, slittando in sesta posizione.
Nella finale, vinta da Basz, Novalak è stato estremamente veloce, mostrando di possedere un mezzo perfetto, ha messo in atto una rimonta che lo ha riportato nelle posizioni di vertice, al sesto posto, con dodici posizioni recuperate. Al nostro Clément è rimasta la consolazione di aver siglato il best lap dell’evento, per la categoria OK, con il formidabile crono di 47.075 (segnato nelle heats).
I colori Tony Kart-Vortex sono saliti sul podio grazie alla performance dell’italiano Travisanutto, terzo assoluto, pilota del WARD Racing.   

OKJ. Anche nella classe cadetta il Verde Tony Kart ha brillato, in primis con i nostri Charles Milesi e David Vidales, entrambi sul podio della finalissima, rispettivamente, secondo e terzo.
Già nelle heats era ben chiaro che il materiale tecnico a disposizione dei nostri piloti era vincente, al punto che Vidales si è imposto in due heats, lottando sempre con piloti al volante di telai made in Prevalle, quali Watt, Martins e Taoufik,
Nelle due pre finali i nostri hanno confermato il loro potenziale. Vidales ha vinto la prefinale 2 e Milesi si è piazzato secondo nella prefinale 1.
In finale è stato il nostro pilota francese a mettere a segno una gara tutta all’attacco, dopo aver perso terreno nelle prime fasi, Charles è risalito a suon di giri veloci e sorpassi ed ha conquistato il secondo posto dietro il Kosmic Kart di Martins (Team VDK).
Vidales ha ottenuto il podio al culmine di un confronto serrato con Watt (Tony Kart-Vortex, team Baby Race srl) e Taofik (FA Kart-Vortex, team Ricky Flynn Motorsport).

Adesso per i piloti delle categorie prive di cambio, OK e OKJ, non resta che prepararsi per la gara che assegnerà il titolo mondiale, in calendario a metà novembre sulla pista del Bahrain.
Classifiche ufficiali WSK Final Cup 2016: http://www.wskarting.it/results_2016.asp?r=1&c=8&s=WSK_Finalcup