26-10-2021

TONY KART PREPARA IL MONDIALE A CAMPILLOS

Il nostro Racing Team disputa l’ultimo round della Champions of the Future sullo stesso circuito spagnolo che ospiterà il FIA Karting World Championship delle classi OK e OKJ il 28-31 ottobre.

Il terzo e ultimo round della Champions of the Future a Campillos (Spagna) rappresenta un ottimo banco di prova per il nostro Tony Kart Racing Team, in vista del FIA Karting World Championship OK-OKJ. Sulla pista spagnola, la stessa che accoglierà il Mondiale, i nostri Tony Kart Racer 401R, “vestiti” con la nuova livrea 2022 e spinti dai motori DJT e DST di Vortex Engines, raccolgono prestazioni interessanti in entrambe le classi, cosa che fa ben sperare in vista del decisivo weekend del 28-31 ottobre.

In OK, è Tuukka Taponen a guidare la pattuglia dei piloti del nostro Racing Team a Campillos. Il pilota finlandese, fresco campione della WSK Open Cup, conferma l’ottimo stato di forma già a partire dalle qualifiche, con il secondo miglior tempo nel proprio raggruppamento e una sesta posizione nella classifica combinata. Due vittorie e un giro veloce nelle qualifying heat confermano la velocità di Taponen, ma ad complicare il suo cammino verso la finale è un imprevisto ritiro nella prima manche che lo fa retrocedere nella graduatoria. Dopo una solida prefinale, Taponen si scatena in finale: risale di 10 posizioni rispetto alla griglia di partenza, firma il best lap della gara e conclude a meno di 2 secondi dalla Top 5.
Nuovo arrivato in casa Tony Kart Racing Team e vicecampione della WSK Super Master Series, Juho Valtanen è subito veloce fin dal venerdì. Il pilota finlandese si posiziona settimo al termine delle sessioni di qualificazione e, dopo le tre qualifying heat, si conferma ancora dentro alla Top 10. Purtroppo, Valtanen perde posizioni in prefinale in seguito di un contatto e alla penalità di 5 secondi per lo spoiler frontale in posizione non corretta, fattori che non gli permettono di farsi valere nei piani alti nella decisiva finale.
Anche Joseph Turney raccoglie due buoni risultati nelle qualifying heat, ma una seconda manche sottotono costringe il britannico a scattare da metà gruppo nella prefinale. Mentre è in battaglia con altri piloti, Turney rimane coinvolto in uno spettacolare incidente, per fortuna senza conseguenze fisiche per il nostro portacolori, ma il ritiro è obbligatorio. Turney si presenta di nuovo sulla griglia di partenza dopo qualche ora, stavolta per la finale del weekend, e con grande caparbietà guadagna 21 posizioni e centra la Top 15.
Dopo due anni di assenza dalla categoria, Noah Milell si presenta a Campillos come Campione del Mondo 2021 della classe KZ con il nostro team. Lo svedese riprende confidenza con la categoria durante le prove libere e di qualificazione, ma già dalle qualifying heat mostra a tutti la propria classe e, al termine delle manche, rimonta ben 38 posizioni in classifica. Dopo l’ennesimo recupero in prefinale, Milell si “arrende” in finale dopo un contatto con un altro pilota. Poca fortuna anche per Alexander Gubenko e Bruno Del Pino: il russo centra l’accesso alla finale, ma non trova il giusto passo per concludere nella parte alta della classifica, mentre lo spagnolo si ritira nella manche che assegna gli ultimi posti per la prefinale.

In OKJ, un vasto plotone di nostri alfieri prende parte all’ultimo appuntamento della Champions of the Future. A cominciare da Jan Przyrowski, velocissimo già in qualifica con il miglior tempo del proprio gruppo e la terza posizione in classifica generale. Il polacco raccoglie un bottino di una vittoria, due secondi posti e un giro veloce nelle qualifying heat, rimarcando di essere uno dei possibili protagonisti del weekend spagnolo. Purtroppo, un contatto iniziale durante la finale stacca leggermente lo spoiler frontale di Przyrowski che, al termine della corsa, viene penalizzato di 5 secondi; nonostante la sanzione, il polacco è tra i migliori dieci piloti del round spagnolo.

Buone performance anche da parte di James Egozi e Harley Keeble. Lo statunitense, appena laureatosi campione della WSK Open Cup, non ottiene quanto sperato nella sessione di qualifiche, ma una serie di rimonte (e un giro veloce) gli permette di recuperare 22 posizioni in classifica generale e di terminare in Top 15 nella finale. Anche il britannico, vincitore della WSK Euro Series, inizia dal fondo della graduatoria in qualifica, ma con una facilità impressionante risale un numero record di 39 posizioni al termine delle qualifying heat e agguanta anche lui la Top 15 in finale, dopo una seconda risalita in prefinale fatta di 14 posizioni.
Alla finale accedono altri tre nostri piloti. Keanu Al Azhari subisce una penalità di 5 secondi per lo spoiler frontale in posizione non corretta, anche lui sempre per un contatto nei concitati primi giri, che compromette un piazzamento in Top 15. Jimmy Helias conclude poco lontano dai migliori venti dopo un weekend concreto e “di studio” in vista del Campionato Mondiale, mentre German Foteev è protagonista di una consistente rimonta durante le qualifying heat (20 posizioni guadagnate) e in finale (+12 posizioni).  Oscar Wurz, alla seconda gara con il nostro team,continua la propria fase di apprendistato e conclude terzo la finale di consolazione, vinta invece da Alvar Siimesvaara, al debutto con i nostri colori. Enzo Tarnvanichkul, Reno Francot e Arthur Dorison mostrano un trend di crescita durante le manche: un segnale positivo per la loro preparazione al Mondiale.

Come anticipato, il nostro Tony Kart Racing Team è pronto a tornare in pista già tra pochi giorni in occasione del FIA Karting World Championship (28 – 31 ottobre), ospitato sul circuito spagnolo di Campillos e riservato alle classi OK e OKJ.