17-05-2022

OCCASIONE PERSA PER TONY KART ALL'EUROPEO DI GENK

Il primo appuntamento del FIA Karting European Championship 2022, in Belgio, riservato alle categorie KZ e KZ2, si conclude con risultati totalmente al di sotto delle aspettative considerate le performance mostrate in pista dai portacolori del nostro Racing Team.

Nel primo weekend valido per la stagione 2022 del FIA Karting European Championship KZ-KZ2, sul tracciato belga di Genk, il nostro Tony Kart Racing Team scende in pista con il pacchetto tecnico campione del mondo in carica: il Tony Kart Racing 401 RR motorizzato Vortex RTZ/RSZ, unità progettate e realizzate dalla “engine division” di OTK Kart Group.

In KZ, il duo finlandese formato da Tuukka Taponen e da Simo Puhakka apre con note positive il weekend del nostro Racing Team. Taponen è subito a suo agio al debutto nella categoria regina dei kart a marce: dopo il miglior tempo nella prima sessione di prove libere, il campione del mondo OK in carica ottiene il quarto posto nelle qualifiche ufficiali, mentre il connazionale Puhakka, campione della Champions of the Future Winter Series, si piazza immediatamente alle sue spalle, quinto. Taponen prosegue senza intoppi nelle qualifying heat e rimane stabile in Top 5; al contrario, Puhakka ottiene un bottino notevole di due podi e due giri veloci (chiari indicatori della sua competitività), ma uno sfortunato ritiro (a causa di un avversario che lo mette fuori gioco) nella seconda manche impedisce al nostro portacolori di issarsi nelle posizioni di vertice. La malasorte, purtroppo, persevera anche nella concitata super heat di domenica, con Taponen e Puhakka entrambi ritirati a causa di incidenti provocati da altri.
La finale vede sette nostri piloti al via. Dopo un percorso concreto durante tutto il fine settimana belga, Adrien Renaudin dimostra di avere ampia freddezza nelle situazioni difficili e agguanta una Top 10, mentre Taponen chiude l’esordio in KZ due posizioni dietro al compagno di squadra francese. In Top 15 anche Juho Valtanen, al traguardo subito dietro a Taponen. Un incidente nella super heat riduce notevolmente le chance di ottenere un buon risultato del campione del mondo KZ in carica Noah Milell, classificato dietro al vicecampione del mondo KZ Lorenzo Camplese. Buona la prima anche per Mario Ljubic con i nostri colori, autore di una rimonta di 8 posizioni. Finale da dimenticare soprattutto per Simo Puhakka: come detto, il finlandese ha mostrato a più riprese durante il weekend, di avere il passo per giocarsi la vittoria della gara, che però si conclude con un altro ritiro.

In KZ2, è Jean Luyet il nostro miglior alfiere del weekend. Lo svizzero sale due volte sul podio nelle qualifying heat e recupera ben 11 posizioni nella classifica generale, ma un ritiro nella super heat A rovina i suoi piani. Nonostante l’ostacolo lungo il percorso, Jean si fa strada a suon di sorpassi in finale e centra la Top 10. Prestazioni convincenti anche da parte di Norton Andreasson, alla prima gara con la tuta ufficiale del nostro Racing Team. Lo svedese cresce costantemente durante l’arco del weekend e ottiene una Top 5 nella super heat A e una Top 10 in finale. Anche Samuel Luyet emerge dal gruppo con quattro piazzamenti in Top 5 nelle quattro qualifying heat, più un terzo posto nella super heat B che fa ben sperare. Purtroppo, un contatto in finale pone fine anticipatamente ai sogni di gloria dello svizzero.

Dal Belgio, il nostro Tony Kart Racing Team si muove verso il nord dell’Europa: infatti, già il prossimo weekend (19-22 maggio) scenderà in pista a Kristianstad (Svezia) per il terzo appuntamento stagionale della Champions of the Future, riservata alle classi OK e OKJ.